Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione Gianpiero D’Alia ha firmato il 3 dicembre due decreti adottati in attuazione di alcune disposizioni del Codice dell’Amministrazione Digitale, in materia di protocollazione e conservazione dei documenti informatici.

I decreti, molto attesi dagli operatori, forniscono un importante supporto alla digitalizzazione dell’amministrazione pubblica che, pur adottando da tempo gli strumenti informatici, non ha ancora adeguato i suoi processi a modelli in grado di sfruttare in pieno le potenzialitĂ  dei nuovi mezzi.

Gli schemi innovano e rendono piĂą ampio il quadro delle regole tecniche vigenti in materia, aggiornando quelle sul protocollo informatico e la conservazione dei documenti elettronici, la cui introduzione risale, rispettivamente, all’ottobre del 2000 e al febbraio 2004.

Con riferimento alle regole tecniche per il protocollo informatico viene modificato il DPCM 31 ottobre 2000 per adeguarlo al nuovo contesto normativo, che prevede la trasmissione dei documenti non solo mediante l’utilizzo della posta elettronica, ma anche attraverso la PEC o in cooperazione applicativa basata sul Sistema Pubblico di ConnettivitĂ  e sul Sistema Pubblico di Cooperazione.

Apportando modifiche alla deliberazione CNIPA n. 11/2004 è stato inoltre introdotto il concetto di “sistema di conservazione”, che assicura la conservazione a norma dei documenti elettronici e la disponibilitĂ  dei fascicoli informatici, stabilendo le regole, le procedure, le tecnologie e i modelli organizzativi da adottare per la gestione di tali processi.

Fonte: comunicato pubblicato sul sito del Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione

_______________________________________________________

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook