Nuova versione del virus Cryptolocker, che cambia ancora pelle dopo l’attacco segnalato nell’articolo di qualche giorno fa. Questa volta il virus viaggia sotto forma di un file compresso in formato .zip…

A pochi giorni dall’ultima diffusione virulenta di Cryptolocker, il pericoloso malware muta ancora, presentandosi agli utenti all’interno di un file zippato che contiene a sua volta un file in formato .scr che contiene effettivamente il virus.

L’allegato, una volta aperto, cripta tutti i dati del disco fisso, e per poter avere la chiave per decifrarli è necessario pagare un riscatto.

Come spiegato precedentemente, la prima forma di opposizione è la prevenzione, per cui si raccomanda di non aprire files provenienti da indirizzi sospetti o inusuali.

Il messaggio potrebbe anche giungere da una casella di Posta Elettronica Certificata, per cui si raccomanda la massima cautela.

Purtroppo, una volta infettato un disco fisso è necessario un intervento radicale per debellare la minaccia.

Per maggiori informazioni su cryptolocker si può consultare la versione inglese di wikipedia, che ne fornisce una descrizione esaustiva.

_______________________________________________________

Per informazioni sui servizi di information tecnology offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook